Mariani Armando

Intervista

Armando Mariani nasce a Polinago (MO) nel 1921

All’età di 19 anni, Armando Mariani viene chiamato alle armi e inviato sul fronte Jugoslavo dove ricorda di avere combattuto contro i partigiani locali. Il 4 settembre 1943 torna a casa a causa della morte di suo padre ed è qui che vive i giorni dello sbandamento dovuto all’armistizio. Il racconto torna spesso sull’episodio della sua incarcerazione a Montese e delle dure condizioni subite tali da determinare la sua adesione al partigianato. Il ferimento a causa dell’esplosione di una mina determina poi la fine del suo coinvolgimento nella lotta partigiana, segue infatti un lungo ricovero presso vari ospedali (Lizzano, Pistoia e Firenze). Ricorda alcuni significativi dettagli di vita materiale e quotidiana: gli spostamenti nei pressi di Montefiorino, il rapporto con i civili, la qualità degli armamenti.

00:07 Il periodo della scuola

01:03 Una famiglia di mezzadri. Il padre antifascista

01:17 La chiamata alle armi nel 1941

01:29 L'olio di ricino

02:23 La politica e i giornali in casa
Sassoguidano Bivio, Pavullo nel Frignano, MO,

0:00

00:00 La chiamata alle armi nel 1941. Come guardia frontiera in Jugoslavia
Villa del Nevoso

01:09 Gli otto mesi in Jugoslavia. I partigiani jugoslavi
Jugoslavia

01:30 I suoi spostamenti durante il periodo militare: Aosta, Catanzaro, Cagliari
Catanzaro (CZ)

02:02 L'8 settembre 1943

02:39 In prigione a Montese
Montese, Modena (MO)

03:34 Nel carcere di Pavullo
Pavullo Nel Frignano, Modena (MO)

05:22 La dinamica dell'arresto e del riscatto

06:18 La scelta di salire in montagna
Rocchetta Sandri, Modena (MO)

07:34 Nella formazione di Tommaso Ferrari. Poi nella formazione Falconi
Zocca, Modena (MO)

08:25 Il nascondiglio "nella tana del lupo"

09:27 I prigionieri tedeschi di Montese
Montese, Modena (MO)

11:06 I soldati russi prigionieri dei tedeschi

11:51 L'attraversamento del fronte
Sassoguidano Bivio, Pavullo nel Frignano, Modena (MO)

12:11 Il combattimento di Sassoguidano

13:28 Il partigiano ferito di Renno. Il dottore di Gaiato
Gaiato, Modena (MO)

14:46 Le case bruciate per rappresaglia

16:29 Ricordi della prigionia

17:10 Il periodo della Repubblica di Montefiorino
Ceredolo dei Coppi, Reggio Emilia (RE)

17:39 I lanci a Frassinoro
Frassinoro, Modena (MO)

18:55 Il rifornimento di cibo. Le riscossioni e i buoni

20:30 Il rapporto con i civili. L'ordine di essere gentili

21:25 Le punizioni partigiane

24:28 Il voltagabbana di alcuni partigiani

26:03 Il suo arresto a Montese. Gli interrogatori
Montese, Modena (MO)

28:34 Uno scontro con i tedeschi a Ceredolo durante la Repubblica di Montefiorino
Ceredolo dei Coppi, Reggio Emilia (RE)

32:45 Alcuni dettagli sugli armamenti

33:52 L'episodio del disarmo di due carabinieri
Castellaro, Modena (MO)

37:57 I lanci degli inglesi

38:16 La mitragliatrice Breda
Pavullo Nel Frignano, Modena (MO)

40:20 Il trasporto delle armi, i muli e i cavalli requisiti
Porretta Terme, Bologna (BO)

0:00

00:00 Il pastore di Porretta e la requisizione di un cavallo
Castelluccio Di Moscheda, Modena (MO)

00:58 Il furto dei cavalli requisiti

01:32 Ra22:18 la liberazione. Il ritorno a piedi fino a Pavullo cconta della vendita del cavallo ad opera di un Tommaso di Rocchetta, comandante di formazione

02:53 L'attraversamento del fronte
Ponte della Venturina, Bologna (BO)

04:35 La diffidenza degli americani

05:09 Gli spostamenti verso monte Belvedere
Monte Belvedere, Lizzano in Belvedere, Bologna (BO)

07:01 Il suo ferimento a causa dell'esplosione di una mina

07:33 Il ricovero a Firenze
Firenze (Fi)

08:02 La visita per la pensione a Piacenza e il colonnello fascista
Piacenza (PC)

10:33 Il colonnello del distretto di Modena

11:16 Il riconoscimento parziale dell'invalidità

12:32 Il ricovero a Lizzano, Pistoia e Firenze
Lizzano In Belvedere, Bologna (BO)

13:18 La fine della sua esperienza partigiana dopo il ferimento

13:37 "Armando"

13:53 Le azioni a Ceredolo dopo uno sbandamento e l'intervento di "Armando"
Ceredolo dei Coppi, Reggio Emilia (RE)

16:48 Il legame personale con "Armando"

18:55 L'organizzazione delle formazioni. Il comando di "Armando"

20:01 La presenza delle donne

20:43 I rapporti tra partigiani

21:16 La composizione della formazione di Rocchetta

22:18 La liberazione. Il ritorno a piedi fino a Pavullo
Pavullo Nel Frignano, Modena (MO)

23:15 Il desiderio di vendetta sul direttore del carcere e altri fascisti locali

27:23 L'aneddoto di un mugnaio e della razzia del maiale ad opera dei fascisti

29:41 Fare il partigiano

0:00

00:00 Un messaggio per i giovani

0:00

Sestola (MO) — 22 Novembre 2000.

Progetto/Ricerca: L'archivio delle Voci

Referente: ANPI Fanano e Sestola

Intervistatori: Alessandro Gherardini, Luciano Bettucci

Schedatura: Chiara Paris

Progetto a cura di: Comuni di Fanano e Sestola

Coordinamento progetto: Antonio Canovi

Data entry: Andrea Caira

Specifiche tecniche.

Durata totale: 01:15:00

File audio: 4

Scarica l'App