Monte Belvedere

Il caposaldo della Linea Gotica

Monte Belvedere, Lizzano in Belvedere (Bo) | 44.20572 E - 10.89874 N |

Monte Belvedere rappresentava il caposaldo della seconda linea in profondità della Linea Gotica che, nel tratto appenninico tra le provincie di Modena e Bologna, si allungava lungo i crinali fino a Vergato, dominando la valle del Reno e soprattutto la strada n. 64. Qui i partigiani di Armando, dopo aver costituito la Zona Libera e la Divisione Modena Armando (co-belligerante con gli Alleati), dimostrano la loro capacità operativa. Nel febbraio 1945, quando gli alleati decidono di sfondare la Linea Gotica partendo dal Monte Belvedere, predispongono il piano detto operazione Encore. La prima fase prevede la conquista dei Monti della Riva, poi del Belvedere e a seguire di tutta la linea difensiva fino a Castel d’Aiano. È compito degli alpini americani della 10a divisione da montagna realizzare tale piano, appoggiati dai soldati della 1a Divisione di fanteria brasiliana che hanno l’obiettivo di prendere Monte Castello. La cima del Belvedere viene conquistata il mattino del 20 febbraio 1945 dai soldati dell’85° Reggimento.

Le postazioni sul monte sono state recuperate nel 1999 e nel 2006 viene realizzato un monumento ai caduti della 10a divisione da montagna.

 

Scarica l'App